Angeli senza tempo

20161004_180202-1

Nel sonnolento cantar delle ore,
la vita mi strema.
Sono raggomitolata in questa stanza
semioscura.
Con pena, raccolgo la mia ombra che
aderisce alle pareti.
Dietro di me, scompaiono le orme,
s’annebbia il passato.
Come fantasmi si annerano i
pavimenti di roccia.
Miscugli di suoni sfilano in una
parata di venti, senza fine.

818total visits,1visits today

Lascia un commento