Mani in pasta

bake-610954_640

La spiana è già pronta,
come un palco attende i suoi commedianti.

Si apre il sipario ed ora,
come nevischio la macina di grano si posa;
con vergini olive, l’olio è sublime.

Inizia il concerto di antichi sapori,
di spezie, tutto l’aroma si spande e rallegra il cuore.

Mani sapienti domano l’impasto,
il lievito madre la fa da padrona.

Ecco, un tratto tutto riposa.

Si riaccende il focolare… è subito festa! Tintinnii di
teglie e colorati grembiali.

La commedia è al finale, la spiana ringrazia.

Signori… Il gusto è appagato.

ANNA MARIA

Comments



9 Agosto 2016 at 8:11

Versi che saziano il cuore.



9 Agosto 2016 at 1:55

I tuoi versi profumano di cose buone, di serenità, di gesti premurosi. Leggendoli, mi ha pervaso un gioioso calore umano. Grazie!



Lascia un commento